martedì 12 dicembre 2017

Recensione - Origin-


Autore: Dan Brown

Titolo:  Origin

Casa Editrice: edizione Mondadori

Collana : Edizione Bookclub

Genere: Giallo /Noir

Pagine: 564

Formato: Rilegato

Costo:  Con un'offerta del book club l'ho pagato solo 14,00




Trama:

Dopo aver indagato fra i misteri del capolavoro di Leonardo da Vinci e dell’Inferno dantesco, il mitico Robert Langdon, celebre studioso di Simbologia e Iconologia delle Religioni, s’imbarca in una nuova avventura destinata a tenere il mondo con il fiato sospeso. In Origin lo ritroviamo infatti nell’avveniristico Guggenheim Museum di Bilbao, ospite di un importante evento. Qui Edmond Kirsch, uno dei suoi più brillanti allievi di Harvard diventato poi ricco e famoso per le sue invenzioni tecnologiche, sta per annunciare al mondo una scoperta sensazionale che permetterà di trovare risposta alle eterne domande dell’uomo: da dove veniamo? Dove andiamo? L’evento ha inizio e Langdon capisce che il contenuto della presentazione è più controverso di quanto immaginasse. Ma fa appena in tempo a riflettere sulle implicazioni di ciò cui sta assistendo, perché si scatena il caos: per impedire che la scoperta di Kirsch vada perduta per sempre, Langdon dovrà intraprendere un viaggio attraverso i simboli e l’arte moderna.

Recensione:

Finalmente, vi faccio  questa recensione.  In questi giorni vedrò di mettermi in pari con le recensioni, okey? Dunque, questo è un libro che, appena saputo della sua uscita, ho fortemente desiderato, e dopo averci girato attorno come il gatto con il topo.  ho approfittato di un'offerta fattami dalla Mondadori e l'ho acquistato. 
Prima di partire con la recensione, devo fare una piccola premessa. Mi sono accorta di non avervi mai recensito i libri di Brown,e mi chiedo come sia possibile. In effetti 'Il codice da vinci', 'Angeli e demoni'e 'Il simbolo perduto' li ho letti prima di aprire questo blog. Ma 'Inferno' no. Andando a controllare qui sul blog mi sono appunto accorta di avervelo mostrato in un 'Wish Book' e in un ' News Entries', ma di non avervelo mai recensito. Il perché mi sfugge , e resterà per sempre un mistero. Comunque, in generale i libri di Brown mi piacciono, anzi mi travolgono proprio, ma solo quelli  con il Professor Langdon come protagonista ( ho provato con 'Le verità del ghiaccio', ma non mi è piaciuto).  . In particolare ho apprezzato ' Il codice Da Vinci'  e  'Angeli e Demoni', quest'ultimo  addirittura è nella classifica dei miei libri preferiti. 'Il simbolo perduto' e  Inferno', invece li ho trovati meno coinvolgenti, ma non  per questo meno validi. Insomma  amo Brown, credo si sia capito. 
Ma ora passiamo a parlare di questo romanzo, in particolare



Il centro di questo romanzo gira intorno a due domande:

Da dove veniamo? 
Dove Andiamo?

Edmund Kirsh, promettente futurologo, pare averlo scoperto e vuole rivelarlo al mondo con una conferenza. Ma il mondo, forse, non è pronto a tale rivelazione  e, durante  la conferenza, Edmund  viene assassinato prima che possa fornire la risposta. Robert Langdon , ex professore del giovane ai tempi dell'università, farù di tutto per consegnare al mondo la scoperta. In una frenetica corsa  di 12 ore viaggeremo con il professore di simbologia di Harvard fra Bilbao, Barcellona e  Madrid ammirando arte  e simboli, e discuteremo di letteratura, religione e scienza. Il tutto senza mai annoiarci.
Devo dire che questo libro mi è piaciuto davvero tanto, specie dopo aver trovato gli ultimi due meno ' intensi', come vi ho già detto.  La storia è piena di mistero, suspance, e ricca di colpi di scena . e la trama seppur inizialmente possa sembrare complessa, viene sciolta nel corso delle pagine  con grande maestria. I personaggi, sono resi bene, hanno tutti luci ed ombre, e riuscire a capire chi ci sia dietro, sebbene ad un certo punto potrebbe anche essere comprensibile, non sarà facile. E nonostante tutto il colpo di scena finale ci stupirà.   Tutto accompagnato da uno stile fluido, ricco, ma non prolisso o pesante. 
Certamente il merito del successo di Brown non è solo il suo impareggiabile stile di scrittura, che aiuta sicuramente, ma soprattutto credo che il punto di forza di questo libro sia il protagonista. Robert Langdon è uno di quei personaggi che vorresti saltassero fuori dalle pagine per incontrarli, e..parlarci per ore e ore, e ascoltarli parlare per altrettanto tempo senza mai stancarsi. Robert è un gentiluomo galante e intelligente, e allo stesso tempo ricco di intuito e pragmatismo.  Uno così vorresti davvero portartelo dietro durante i tuoi viaggi , per sentirlo mentre ti spiega cose che il tuo occhio non sa cogliere,  simboli  con cui hai a che fare tutti  giorni, senza sapere però cosa significhino. 
Un altro punto di forza di Brown, per me, è che pur parlando di cose delicate e importanti lui, non  giudica e non si propende per nessuna delle parti. Mi spiego meglio: nei suoi libri è spesso  messa al centro dl tutto l'eterna lotta tra scienza e fede, Brown, nei suoi libri, tramite i personaggi , sa dar spazio ad entrambi gli schieramenti, ma non farà mai prevalere né l'uno ne l'altra, né dirà chi ha ragione e chi no. Starò al lettore decidere. In realtà, sembra che Brown sia convinto  che le due cose non siano inconciliabili, ma  lo fa intendere sottil,mente e senza tanti moralismi. Bene, mi sono dilungata abbastanza. Ci ho messo giorni a scrivere questa recensione, perché per me i libri di Dan Brown  con Rober Langdon sono speciali e parlarne non è facile spero di esserci riuscita al meglio. E spero altre sì che il professor Langdon torni presto, Mi manca già

Citazioni:

'' La scienza e la religione  non sono rivali, sono solo due lingue diverse  che cercano di narrare la stessa storia. Al mondo c'è spazio per entrambe''

'' Vi esorto a riporre la vostra fede nella capacità dell'uomo di creare e amare, perché queste due forze, quando si combinano, hanno il potere di illuminare anche l'oscurità più assoluta''

'' L'amore, non la paura, possa essere il motore del cambiamento''

Consigliato: si, certo. Sia a chi ama già quest'autore, sia a chi non lo conosce.

domenica 10 dicembre 2017

News Entries - Kobo & Christmas's edition-


Buongiorno a tutti, lettrici e lettori adorati! Innanzi tutto buona domenica,, spero che la passiate nel migliore dei modi, Io, purtroppo, oggi a mezzogiorno e mezzo vado a lavorare, ma tutto sommato non mi lamento. Oggi è anche prevista neve e io, da eterna ragazzina quale sono, non ne vedo l'ora, magari non troppa in modo da non creare disagi. Che mi raccontate di bello, tempo a parte? Io mi sto trascinando dietro un leggero raffreddore, ma non troppo fastidioso per fortuna. Venerdì c'è statro il Battesimo di mio nipote Gioele, è stato davvero bellissimo. Anche per via di questo evento, a Dicembre non avevo ancora postato sul blog, ma eccomi qui. In questi mesi ho acquistato un po' di  e-book in offerta, ma fra il fatto che alcuni li ho già letti, e che comunque elencarveli tutti sarebbe troppo prolisso,  vi faccio vedere le ultime tre entrate fatte proprio questo mese. Curiosi?




Come potete vedere si tratta di tre entrate natalizie, poteva essere diversamente? ^0^ questi acquisti sono stati fatti grazie al fatto che la Newton Compton durante il week end mette in offerta a 99 centesimi alcuni titoli, e ne ho approfittato! (Oggi dovreste ancora trovarli se siete interessati). Si tratta di tre nuove uscite, di tre autori/autrici che non conosco. Il primo è 'Oliver il gatto che salvò il Natale', il secondo è 'Baciami sotto la neve di New York '( che ho preso principalmente perché attirata dalla copertina) e il terzo è ' Natale sotto le stelle'. Al momento sono alle prese con due letture, di cui una è una rilettura, anch'esse natalizie, ma credo di finirle entrambe  entro domani, o  al massimo dopo domani, e poi mi dedicherò, uno per volta, a questi romanzi, che spero di riuscire a leggere tutti e tre in questo periodo magico dell'anno.^_^
Ecco qui, queste erano i miei nuovi acquisti. Voi ne avete fatti? Come al solito fatemi sapere. Bacioni nevosi 

mercoledì 22 novembre 2017

W.W.W WEDNESDAY #13


Ciao a tutti, e ben trovati lettrici e lettori! Come state? La sottoscritta  sta bene e devo dire che sono anche piuttosto euforica per il fatto che sto postando piuttosto regolarmente sul blog, sto anche recuperando un po' di recensioni, e la lettura va piuttosto bene, me felice!!!  C'è solo una piccola nota negativa: un paio di giorni fa  mi si è rotto il vetro dell'iPad, argh!!ç_ç  vedremo un po' quanto verrà a costare lo scherzetto. Comunque, fossero questi i problemi della vita, c'è di peggio. E poi il fatto di non aver sempre sottomano il tablet,  mi ha portato a spuntare  un'altra voce negli obbiettivi per il 2017( la giornata senza tecnologia ^^), e a dedicarmi ad altre cose.Proprio vero che non tutto il male vien per nuocere. D'accordo, dopo questa frase alla Pollyanna dei poveri vediamo di passare a mostrarvi  le mie letture. 

Cosa hai appena finito di leggere?


Spero di riuscire a rimettermi presto in pari con le recensioni per potervi parlare di ' La ragazza nella nebbia' di Carrisi. Nella recensione  vi dirò tutto per ora vi basti sapere che quest'uomo si è aggiudicato una fan per la vita ^O^


Cosa Stai leggendo?


Questa lettura l'ho scelta per due motivi: ho approfittato di un offerta sul sito Kobo Store, e volevo spuntare ulteriormente un'altra voce della sopracitata lista degli obbiettivi del 2017. E c'è da dire che per ora, 'Ladra' di Sarah Waters non sembra male, ma sono solo all'inizio e non posso esserne certa.


Cosa leggerai?


Preso a inizio anno da una ragazza che lo vendeva su un gruppo Facebook, penso che ormai sia giunta l'ora di leggerlo dato  che credo di iniziarlo a Dicembre e mi  dicono che 'Fruscio di Streghe' di Anne Dale, sia una perfetta lettura Natalizia. La copertina è stupenda, speriamo bene!


Ecco qua, queste sono le mie letture del periodo. Spero che vi interessino e che, magari, troviate spunti interessenti per le vostre letture e/o Wish list. Alla prossima!

martedì 21 novembre 2017

Teaser Tuesday #10


Partecipare è molto semplice, basta seguire queste regole:

- Prendi il libro che stai leggendo
-  Aprilo ad una pagina a caso
- Trascrivine un breve pezzo ( No Spoiler)

-  Riporta titolo e autore del libro.

Ladra
Sarah Waters

''Credo di aver imparato l'afabeto così: non scrivendo lettere, ma scucendole dalla stoffa. So di  aver imparato come si scriveva il mio nome da alcuni fazzoletti, capitati in casa, che recavano un  Susan ricamato. Quanto alla lettura regolare, non ce ne curammo mai. La signora Sucksby era in grado di leggere, se costretta; il signor Ibbs sapeva  leggere e persino scrivere; ma, per il resto di noi, era un'idea molto vaga, direi come parlare l'ebraico o fare un salto mortale: si capiva che serviva agli ebrei e agli acrobati; ma a noi...?''

lunedì 20 novembre 2017

Recensione ( mini) - 44 Charles Street-


Autore: Danielle Steel

Titolo:  44 Charles Street

Casa Editrice: Sperlig & Kupfer

Collana : Pandora

Genere: Romanzo

Pagine: 392

Formato: e-book

Costo: 16, 90 il rilegato; 6, 99 l'e-book ( io lho preso in offerta); 9,26 il tascabile



Trama:

Dopo la fine della sua storia d'amore con Todd, avvocato e collezionista d'arte newyorkese, Francesca Thayer è distrutta. Negli ultimi sei anni ha condiviso con lui ogni cosa, nel lavoro e nella vita. Compreso il suo sogno più grande: aprire una galleria per artisti emergenti e comprare una casa d'epoca nel Village. Ora, improvvisamente sola, rischia di dover rinunciare a tutto. O forse no. Fatti due conti, a Francesca non resta che una soluzione per far fronte al mutuo: cercare dei coinquilini. Pubblica quindi un annuncio, nonostante il parere contrario della madre. Arrivano così a vivere con lei Eileen, giovane insegnante appena approdata in città; Chris, affascinante designer, separato e con un figlio di sette anni che vede a weekend alternati; e infine Marya, famosa autrice di libri di cucina vedova da poco. Con il passare del tempo, fra i quattro avviene un cambiamento profondo: da conviventi casuali ad amici, fino a formare un'unica, vera famiglia. Tutti insieme, sotto lo stesso tetto, imparano ad affrontare le luci e le ombre della vita quotidiana. Mentre l'aroma della squisita cucina di Marya si diffonde nelle stanze, nella grande casa di Charles Street tornano le risate, qualche volta anche i singhiozzi, e in ciascuno rinasce la speranza. Persino Francesca sarà costretta a ricredersi e ad arrendersi a quello che, appena un anno prima, le era sembrato impossibile: aprire di nuovo il suo cuore a qualcuno.

Recensione:

Ogni tanto, specie nei periodi   di crisi in cui la lettura procede sempre a rilento, mi ributto a leggere sempre qualcosa della mia amata Danielle Steel.. Come vi ho detto altre volte, i suoi libri non sono  best seller  o capolavori da letteratura mondiale, ma hanno la rara capacità di farmi sentire bene.

'' Il 44 Charles Street era stato un capitolo della sua esistenza, ben più di una pura e semplice casa''

Fra i titoli che sul kobo di quest'autrice,  ho scelto questo in quanto ho notato che le storie in cui descrive più personaggi che condividono lo stesso tetto riescono proprio bene all'autrice e mi piacciono parecchio. Trovo che abbia un'abilità rara nel saper mescolare insieme , e in modo sorprendentemente naturale, personaggi  diversi tra loro.. E anche in questo caso, devo dire, ha fatto un ottimo lavoro. Mi sono molto affezionata a Francesca e ai suoi inquilini: Chriss Eileen e Marya ci regaleranno un sacco di emozioni e ci trascineranno nella loro vita. A volte vivremo con loro cose belle, altre volte dovremmo affrontare momenti duri e difficili, a volte non faremo il tifo per loro, ma sapremo  sempre che il 44 Charles Street sarà un luogo sicuro in cui tornare, nonostante le difficoltà. Risate e spensieratezza, infatti saranno alternati a a momenti cupi, in cui l'autrice toccherà temi delicati e importanti come la morte, la droga e le sue conseguenze. Danielle Steel si dimostra capace di trattare simili temi in modo ''non da esperta'', ma comunque in modo molto rispettoso e capace  per non 'appesantire' troppo il romanzo.  Insomma è un bel romanzo da leggere, godibile per passare un po'di tempo senza pensare troppo.

Citazioni:

''Per la prima volta da parecchie settimane , sembrava che la vita fosse tornata normale al 44 Charles Street''

Consigliato: Agli amanti di Danielle Steel e a chi cerca qualcosa di non troppo impegnativo da leggere.


mercoledì 15 novembre 2017

W.W.W. WEDNESDAY #12


Salve a tutti, e be tornati sul blog Lettrici e Lettori! Come va?  La sottoscritta non se la passa male, anche se , dato il tempo, andrbbe in letargo cme l'orso Yoghi. Non che mi dispiaccia il freddo, anzi al contrario lo adoro, solo che questo tempo mi fa diventare narcolettica e dormirei dovunque...persino al lavoro mi stenderei sopra il rullo delle casse.  Però questo periodo sto procedendo abbastanza bene con le letture. Difatti la sera mi  rintano sotto le coperte e, sorseggiando un tè o una tisana bollenti, trascorro le ore in compagnia di un buon libro.  Ma bando alle ciance , passo ad aggiornarvi sulle letture.

Cosa hai appena finito di leggere?

Cosa stai leggendo?


Cosa leggerai?



Scusate se oltre a postare la foto dei vari libri non ho aggiunto altro. ma ho il pc che va un po' lento, inoltre stanno per arrivare i miei nipoti e non so quanto tempo mi resta a  disposizione ^O^. Comunque non ci sarebbe poi tanto da dire. Spero di rimettermi in pari con le recensioni al più presto. Inoltre, ci tengo a precisare che anche se non rispondo tempestivamente ai vostri messaggi vi leggo sempre, come pure i vostri blog. Abbiate fede: avete visto che a piccoli passi sto tentando di dare un ritmo al blog. Presto, spero, tornerà tutto normale, commenti e risposte compresi ^_^

martedì 14 novembre 2017

Teaser Tuesday #9

Partecipare è molto semplice, basta seguire queste regole:

- Prendi il libro che stai leggendo
-  Aprilo ad una pagina a caso
- Trascrivine un breve pezzo ( No Spoiler)

-  Riporta titolo e autore del libro.

La ragazza nella nebbia
Donato Carrisi

''Sulla vetrata che dava sulla pompa di benzina campeggiava ancora la scritta Buone Feste . Il proprietario  faceva la spola fra la cucina e i tavoli , per controllare che tutti fossero serviti e soddisfatti. Aveva dovuto  assumere altro personale  per far fronte all'improvvisa invasione dei clienti. Erano giornalisti, tecnici tv, fotoreporter, ma anche semplici cittadini giunti ad Avechot per poter vedere di persona i luoghi della storia che tanto stava appassionando il Paese''