sabato 13 gennaio 2018

Buoni propositi 2018


Buon sabato lettrici e lettori! Come state? Io non c'è male, soprattutto perché oggi, finalmente, ho un giorno di riposo dopo aver fatto il mattino  per il resto della settimana ed essermi quindi alzata  prestissimo. nei giorni scorsi. Il lato positivo è che, a parte un giorno di vento, non ha fatto particolarmente freddo. Comunque non siamo qui a parlare dei miei turni e del tempo , bensì per i Buoni Propositi per questo anno.Si, lo so, se aspettavo ancora potevo sfociavo nel 2019, ma meglio tardi che mai.

Per un po' avevo pensato di fare una cosa simile a quello che avevo fatto l'anno scorso, ma ad essere sincera...troppo impegnativo. Quindi ho optato per dei semplici e più fattibili  Buoni Propositi ^O^ Che poi ho notato , leggendo gli altri blog che seguo, è stata anche la scelta più gettonata.  L'anno passato è stato impegnativo, anche se ricco di belle sorprese. Non so, ovviamente, cosa che mi porterà l'anno nuovo,  quindi ho deciso di puntare sulla... Tranquillità . Cose semplici e fattibili.  E anche se alla fine non dove essere andato tutto bene...non importa. Ma vediamo punto per punto.

1)  LEGGERE QUELLO CHE MI VA.

Lo so,, sembra una cosa stupida, ma credetemi non è una cosa così scontata, specie quando si gestisce un blog. A volte si sacrificano certe letture a favore di altre, perché si pensa a determinate occasioni, ricorrenze, o cosa potrebbe piacere al lettore o meno, E  quindi succede che si preferisca accontentare i followers e non noi stessi. Perciò ho deciso che quest'anno sceglierò di volta in volta, cosa leggere...mi lascerò ispirare.

2) NESSUNA GARA CON NESSUNO, MEN CHE MENO CON I NUMERI.

Oltre a leggere in base a quello che mi suggerirà  il momento e la voglia, voglio leggere QUANTO mi va. Come dicevo a Rowan del blog Ombre angeliche, non sono in gara con nessuno, e nessuno mi darà un premio a fine anno per aver letto tanto.  La lettura è un hobby, qualcosa che si fa per piacere e per rilassarsi, non un lavoro. Al diavolo la quantità. Se proprio devo puntare su qualcosa, meglio puntare sulla qualità.

3) SMALTIRE UN PO DI LIBRI.

Nel tempo, come molti altri lettori, ho accumulato molti libri, ed e.book. E sono ancora li a prendere polvere ( nel caso di quelli cartacei) e ad attendere di essere letti. Peccato perché alcuni solo libri che vorrei leggere davvero. Quindi , a parte un'ordine di libri fatto ieri ( mi avevano regalato 50 euro di buoni Mondadori *_*), cercherò di puntare a leggere i libri  che ho già in casa. Potrei anche pensare di organizzare un 'Project Ten Book',, o qualcosa di simile, perché no? Certo, sempre tenendo a mente i due punti precedenti: quello che mi va, e nessuna gara. ^^

4) ESSERE PIU' PRESENTE SUL BLOG

Uno dei buoni propositi del 2018 è quello di essere un po' più presente qui, anche con post che esulano da libri e affini. Ho in mente qualche tipologia di post da più di un anno, e qualcosa sta già bollendo in pentola, ma...avendo due nanetti per casa, e il fatto che lavoro, non è che ho sempre tanto tempo. E poi...be come dicevo sempre a Rowan, ogni tanto fa bene anche cazzeggiare. Ci proverò, ma vedremo come andrà.

5) PRENDERMI CURA DI ME STESSA

Mi piacerebbe davvero molto quest'anno puntare su di me: essere più rilassata, curare la mia alimentazione e perdere peso, e fare almeno qualche passeggiata ogni tanto. Sono un persona estremamente pigra, lo so, e non va bene. Ma cercherò di fare del mio meglio, promesso.

6) TORNARE A SCRIVERE E DISEGNARE

Una volta scrivevo tanto, soprattutto fanfic.  Mi manca. E anche se non ho hai disegnato molto , una volta facevo di più anche quello.. Cercherà di trovare del tempo anche per fare queste due cose, perché mi piacciono e mi rilassano.

7) GUARDARE PIU' FILM E SERIE TV

Ho un abbonamento Netflix e uno ad Infimity, sfruttiamoli per la miseria! E invece tendo sempre a guardare e riguardare i miei programmi preferiti, anche se ho una lista di film e serie tv  che vorrei tanto vedere. E ovviamente, mi piacerebbe andare di più al cinema. Quest'anno ci sono andata circa 5 volte, non male, ma vorrei poter andare di più. E' anche vero che il cinema più vicino, e decente, è raggiungibile solo in macchina, e quindi non avendo la patente è un problema, ma troverò il modo.

8) FARE SERIAMENTE SCRAPBOKKING

Se mi seguite su Instagram, avrete visto che ogni tanto mi diletto a fare segnalibri, e creare con la carta. A Dicembre poi ho comprato la Big Shot, una macchina che velocizza il processo per creare varie forme su più materiali( carta, cartoncino, stoffa) e che può anche embossare. Quindi mi piacerebbe sfruttarla al meglio e poter creare qualcosina di più dei bigliettini e dei segnalibri...o  creare queste stesse cose in forma più evoluta. Certo, è un hobby un po costosino, le fustelle e i materiali non te li regalano, però magari uno  o due al mese, magari si può fare ^^

9) DEDICARE TEMPO ALLE PERSONE...

...e meno alla tecnologia. Lo scorso anno ho trovato veramente difficile fate il punto ' Un giorno senza tecnologia'. Computer e cellulare non mi danno problemi, posso tranquillamente spegnerli e dimenticarmi di averli anche per più di un giorno. Il mio vero problema è la mia dipendenza dal mio Ipad. Eppure quando, per causa di forza maggiore, sono stata due giorni senza tablet ( è così che sono riuscita a fare la giornata senza tecnologia), quante cose ho fatto! Il tempo impiegato a stare sul tablet si può usare per fare altro: leggere, scrivere, colorare, disegnare...giocare con i tuoi nipoti, ascoltare musica, parlare con tua madre o andare a trovare un'amica e e parlare con lei...fare un bel bagno caldo! Preparare un dolce...insomma vivere. Voglio provarci a tutti i costi. ^^


10) ESSERE ORGANIZZATA..

Per fare tutto quello di cui vi ho parlato  qui sopra dovrò, non solo trovare il tempo , ma anche organizzarlo. Sempre tenendo conto che la vita a volte ti mette davanti degli imprevisti, e che bisogna saperli gestire al meglio. Però si può sempre provare a far incastrare le cose l'una con l'altra e cavarsela alla meno peggio, no? O almeno ci proverò


Ecco qui. Questi sono i miei buoni propositi per il nuovo anno. Niente di complicato come vi dicevo, ma cose semplici, e  tranquille alla portata di un essere umano.  Spero che questo post vi abbia tenuto compagnia e vi abbia dato qualche spunto per i vostri buoni propositi, Anche se siamo quasi a metà Gennaio, non è mai troppo tardi per provare a migliorarci. Buon sabato, lettori!

giovedì 4 gennaio 2018

Recap letture 2017




Allora miei care lettrici e miei cari lettori, come state? Tutto bene spero. Anche se dopo i botti, e non quelli di fine anno, eccomi qui anch'io per fare un veloce punto della situazione delle letture dell'anno passato. Non  ho letto molto quest'anno, ma non me ne faccio un cruccio. E' andata così. Quello di cui sono dispiaciuta è che non ci siano stati tanti grandi letture, ma per contro non ci sono state neanche tante schifezze e questo è molto positivo. Ma bando alle ciance e andiamo a vedere punto per punto la situazione.

TOTALE LIBRI LETTI.

Soltanto 24, una miseria, praticamente due al mese. A fregarmi è stata l'estate, dove il caldo torrido mi stava quasi squagliando, togliendomi la voglia di fare qualsiasi cosa-_- . Che devo fare?  Pazienza. Non sono in gara con nessuno, e non mi danno soldi per leggerne una miriade l'anno. Spero che il 2018 vada meglio, ma vada come vada sarò contenta lo stesso. Sono escluse da questo conteggio due riletture e due 'abbandoni'.

QUANTI CARTACEI? E QUANTI E-BOOK?

Undici cartacei e  tredici e-reader- Quasi metà e metà, non mi dispiace aver smaltito qualche versione digitale.

MIGLIOR LETTURA

E' sta la prima lettura del 2017 e, come previsto,non ci sono state altre letture capaci di toglierli la medaglia d'oro. E' stata una lettura coinvolgente, a tratti straziante, che ha scavato dentro di me e  mi ha fatto capire quanto io, tutti noi, siamo stati fortunati a non vivere certe cose.  Ho consigliato questo libro ad un'amica , la quale lo ha letto in vacanza. Non ha ancora smesso di ringraziarmi, come io non smetterò mai di ringraziare Rowan per averne parlato sul suo blog. Credo che tutti dovvrebbero leggerlo,


PEGGIOR LETTURA 


Recensita da poco, questa è stata la lettura peggiore dell'anno. Come ho già detto  in quella recensione non è tanto la storia in se o i personaggi o la trama a non piacermi. Sono stati i punti lenti, quasi morti, e lo stile prolisso e pesante dell'autrice a rendermi la lettura un'autentico calvario.


QUANTI AUTRICI? E QUANTI AUTORI?

14 autrici, e 10 autori. Power Girl, suffragette a noi! ^O^

SERIE COMPLETATE?


Questa serie è stata l'unica che ho iniziato e completato nel 2017. Avrei voluto completarne un'altra, ma il lato positivo è che non ne ho iniziate altre ^O^

MIGLIOR COPERTINA


Servono parole? A me sembrano superflue *_*


PEGGIOR COPERTINA


Di solito i romanzi della Steel hanno delle copertine carine. E pur centrando molto con la storia narrata in questo suo libro, la copertina non mi piace per niente Anonima e un po' troppo scura per i miei gusti.

MIGLIOR CITAZIONE

'' Il vero amore accetta, non giudica.Quando si viene accettati per ciò che si è , persino nei momenti di estrema debolezza, si trova finalmente la pace''


Ecco qui siamo giunti alla fine. Questo è un po' il bilancio delle letture 2017. Si, poteva andare decisamente meglio, ma poteva andare anche peggio, no? Avrete notato che mancano degli ' obbiettivi librosi' per questo anno. Siate fiduciosi, arriveranno. ^_^ Detto questo, spero di non avervi annoiati troppo. A presto. 



mercoledì 3 gennaio 2018

Varie Top 2017



Salve lettrici e lettori, allora come andiamo, vi siete ripresi dai bagordi dell'ultimo dell'anno? Io, stamattina presto, sono di già al lavoro, ma questo vuol dire che ne uscirò anche presto, grazie a Dio. E questo è il motivo per cui ho pubblicato questo post praticamente all'alba. Ho pensato di fare una sorta di 'Recap' del 2017, uno libresco e uno no. Quello libresco lo vedrete nei prossimi giorni ( non mi azzardo a dire il giorno per eventuali imprevisti ^O^). Oggi partiamo con la top di cose Random-


Top burro corpo.


Non so se lo sapete ma io sono una fan della creme/burri per il corpo, e ne ricerco sempre di nuove da testare per variare un po'. Non ho particolari problemi di pelle, solo sui gomiti e d'inverno la pelle sulle gambe tende a seccarsi, quindi posso testare diverse  tipi di creme senza troppi problemi. Curiosa di provare i tanto chiacchierati prodotti  SBC su QVC , ne ho fatto un ordine approffitando di un Today's Special Value. E devo dire che nel kit Mirto-limone & e Timo che ho preso, a stupirmi in modo particolare è stato il Burro per il corpo. E' davvero buonissimo, ha una consistenza non troppo burrosa che permette di massaggiarla bene sulla pelle, lasciandola liscia e idratata in profondità. Sui miei gomiti è completamente scomparsa qualsiasi tipo di ruvidità e pelle morta. Persino i piedi li lascia, per quel che può, morbidi e lisci,. Ma per i miei piedi è un discorso a parte, e servirebbe il miracolo. E vorrei farvi sentire il profumo...divino: fresco e delicato come un sorbetto al limone. Top.

Profumo Top


Fra gli obbiettivi del 2017 c'era quello di ' Comprarmi un profumo che voglio da tanto'. Ora : io di profumi che vorrei ne ho più di uno, ma ho optato per uno economico ^^;; Economico ma validissimo. Questa marca, la Monotheme, l'ho sentita nominare da una youtuber, ed ero curiosa di provarla. Fra le varie profumazioni, io che sono una romanticona, e perché mi piace questo fiore, ho scelto questo ''Apotheose de Rose''. Mamma mia! Che profumo! E' delicato e dolce, e pur 'svanendo' quasi subito, a fine giornata ne trovate ancora qualche nota delicata sui vostri indumenti. L'ho acquistato a metà Gennaio del 2017 e a parte il mese di Marzo dove, causa una forte allergia non ho utilizzato nulla, e qualche rara eccezione, l'ho messo TUTTI i giorni. E nonostante tutto è a poco meno di metà. Penso di prenderne un altro in una profumazione. Top.

Rossetto Top



I rossetti sono una mia grande passione. Ne ho diversi, di varie marche. e di solito i toni che uso vanno dal nude, passano a volte per i rossi, e culminano con i fucsia. Tra i rossetti provati quest'anno mi sono entrati nel cuore i 'Creamy Love' della bravissima Clio Makeup. Io ne ho due MLBB e Rosa indiano ( in foto), e mia sorella altri due. Ho provato anche quelli e di tutti  ne posso parlare bene, Colori perfetti, di facile stesura, idratanti e a lunga durata. MLBB ha retto a due giornate intense: un pranzo e un battessimo, e 'Rosa indiano ha retto ad un'altro battessimo e a un giornata fuori. Vi dico che anche dopo aver finito di mangiare il colore era ancora li. Top.

Palette Top


Quest'anno ho scoperto Nabla grazie a dei saldi di fine estate di cui, ma va?, ho deciso di approfittare e ho preso una mini palette personalizzabile ( per chi non lo sapesse  le palette di Nabla vanno assemblate con gli ombretti che si vogliono).  Nell'ordine da in alto a sinistra in basso a destra  abbiamo : Fossil, Pegasus, Circle, Grendine, Zoe e Calypso. Sono rimasta colpita dal rapporto qualità-prezzo. Con poco meno di 40 euro ho una palette funzionale, che posso usare sia per trucchi di tutti i giorni, che per trucchi più elaborati. Sono colori  scriventi, e che ogni volta che li applicate restano li. Menzione speciale per 'Pegasus'( in centro in alto). Lo uso quasi tutte le volte che mi trucco, Un duocrhome dorato /lilla davvero bellissimo. Top

Film Top


Ma che sorpresa, chi se lo aspettava? ^O^ Oceania. Ammetto che ero indecisa fra questo  e un'altro film, Ma lo ho adorato da subito, canticchio la colonna sonora si può dire quasi tutti i giorni da quando l'ho visto, e da quando me l'hanno regalato ho perso il conto delle volte che l'ho visto. Insomma Oceania è stato IL film dell'anno per me.  Adoro le canzoni, la storia,  i personaggi, e soprattutto la grafica.  You are Welcome. Top.


Telefilm Top


Nel 2017 ho visto  5 serie , di cui solo tre complete. Fra queste la prima stagione di Victoria, che fra l'altro stanno dando in questo periodo su canale 5. Direi proprio che la medaglia d'oro  per questa categoria può aspettare solo a questa serie.  A me è piaciuta moltissimo, sia per la trama che per le sottotrame. I personaggi sono resi benissimo, soprattutto adoro l'attore che interpreta Lord Melburn, e trovo che lei sia bellissima. Top!


Canzone Top




La canzone dell'anno è in realtà un Ending della terza serie di Saiilor Moon Crystal, che ho visto per l'appunto l'anno scorso. Adoro la terza serie di Sailor Moon in tutte le sue forme( manga, serie anni 80, crystal), per la trama sicuramente, ma soprattutto perché compare la mia Sailor preferita: Uranus!  *_*. E poteva non piacermi l'ending Eternal Eternity dedicata  prprio al rapporto fra Uranus e Neptun? Ovviamente l'adoro. Io vi ho lasciato il video di una cover italiana , ma sappiate che la sottoscritta se la sente anche in giapponese. Top


Cd Top


Ultima categoria. Rimaniamo in ambito di musica e parliamo di Cd. Sarò sincera: Duets, tutti cantano Cristina è stato l'unico cd che ho acquistato, ma si merita di essere nominato in questa classifica perché l'ho letteralmente amato e adorato. Da quando l'ho comprato praticamente non ascolto altro. Trovo davvero carine tutte le sigle cantate dai Vips, anche quelle che di solito non mi piacciono le ascolto comunque. C'è chi lo critica, ma li lascio parlare. A me piace, e tanto basta.

E con questo è tutto. E' venuto fuori un post un po' lungo e  le categorie sono le prime che mi sono saltate in mente, ma spero che vi sia piaciuto questo post chiacchiericcio che esula dai libri. E a tal proposito, ho lasciato volutamente fuori ' Libro Top' e 'Citazione Top', perché li ho inseriti  in un post sui libri del 2017 che troverete nei prossimi giorni. Fatemi sapere cosa ne pensate e, se vi va, dietemi qualche vostro Top. A presto.






lunedì 1 gennaio 2018

Recensione - Ladra-


Buongiorno, e BUON ANNO, lettrici e lettori.
Come state? Ma soprattutto avete passato un fine anno? Il mio è stato sereno, tranquillo. A casa con le persone che amo, e per c'era tutto ciò di cui avevo bisogno. Oggi poi verranno anche mia sorella e miei nipoti e i festeggiamenti saranno completi.
Vi lascio con la recensione di Ladra che avevo già preparato, ma che ho deciso solo stamattina di postare,, ecco spiegato l'orario insolito.

Autore:  Sarah Water

Titolo:  Ladra

Casa Editrice:  Tea

Collana :  le rose Tea

Genere:  romanzo

Pagine: 510

Formato:  tascabile

Costo: 11,99 il tascabile, 6,99 l'ebook




Trama:

Londra, 1862. Orfana sin dalla nascita, Sue è cresciuta in un mondo di piccoli ladri e malfattori, tra gli stenti e le durezze della strada. E quando il caso le offre l'opportunità di rifarsi alle spalle di una ricca ereditiera, Maud, un'orfana come lei che vive in un tetro palazzo, Sue non si tira indietro. Tuttavia, non appena si avvicina alla sua vittima, indossando i panni della cameriera, comincia a essere assalita dal dubbio. A poco a poco una curiosa intimità sorge tra le due giovani, tanto diverse eppure irresistibilmente attratte l'una all'altra.

Recensione:



Ho inserito questo romanzo nella mia wish list e negli obbiettivi del 2017 dopo averne sentito parlare benissimo. Sia del romanzo che dell'autrice.  E sebbene io parta sempre con i piedi piuttosto piantati per terra quando affronto cose osannate da altri, devo dire,  purtroppo, che mi aspettavo di più.  Anzi, diciamo le cose come stanno: non mi  ha entusiasmato per nulla . E credo di sapere perché Perché mi ha annoiata. Ecco  perché.  Non è un brutto libro, anzi il finale è ciò che mi fatto dare la sufficienza alla lettura, ma non basta. Meglio andare con ordine. Il romanzo parte in modo, e tutto viene raccontato attraverso il punto di vista di Sue. Poi tutto cambia, la storia praticamente si rovescia e conosciamo il punto di vista di Maud. Ed questo che ha rovinato il tutto, Mi spiego meglio. La trama è ben congeniata, non ci si può fidare di nessuno , in quanto tutti mentono, e i colpi di scena sono davvero tosti e ti sorprendono completamente. Di questo rendo atto all'autrice per le sue capacità.  Ma  leggere due punti di vista differenti, vuol dire rileggere praticamente gli stessi eventi per buona parte del libro. Cioé...due scatole . Aggiungiamoci pure il fatto che lo stile non è propriamente scorrevole, quello che ne è saltato fuori è stata una lettura, lenta , noiosa, e pesante.  Sicuramente è un buon romanzo per la struttura della trama, l'ambientazione vittoriana e dikensiana, e la psicologia dei personaggi è davvero lodevole, ma non è supportato da un stile di scrittura  adatto. Anche le tematiche che affronta sono importanti e insolite, e devo dire trattate con un certo tratto e approfondite con maestria.  Non è che la Waters non sappia scrivere, intendiamoci, anzi. come scrittrice di romanzi storici è davvero brava: sembrava davvero di stare nella londra vittoriana, e a tratti pareva di sentire i rumori e i profumi da lei descritti, in questo, ripeto, non le si può dire nulla.   Ma una storia  rimata e incalzante come questa dovrebbe essere coadiuvata da uno stile fresco e scorrevole, e non pesante e troppo ricercato, che mi ha reso davvero la lettura pesante. Solo il finale, che volevo vedere come si concludeva, mi ha fatto desistere dal lasciare la lettura incompiuta. Se leggerò altro di quest'autrice? Non lo so. Al momento dico di no, ma nella vita mai dire mai.



Citazioni:

“Ciò che lui ha ridestato in me, che ha agitato nel mio petto, quella oscura affinità, è qualcosa di assai più raro. Potrei dire che cresce come un'ombra nella casa, o invade come una patina le sue pareti. Ma la casa è già piena di ombre e di macchie; e così nessuno se ne accorge.”

“La leggo e poi mi abbandono sul cuscino portandomi la lettera alla bocca. Sfioro la carta con le labbra. Lui potrebbe essere il mio amante, dopotutto... o potrebbe esserlo lei. Poiché adesso non potrei volerla più di quanto potrei volere un amante. Ma non potrei volere un amante più di quanto voglia la libertà.”

Consigliato:  Per la storia la trama e le tematiche dico si, Per il resto vi dico: fate voi.


Ancora Buon Anno lettori. E no, chi fa recensioni il primo dell'anno , non le fa tutto l'anno ^O^


domenica 31 dicembre 2017

Aggiornamento obbiettivi del 2017


Buongiorno lettrici e lettori, come state? Come avete trascorso il Natale? Io sto bene,  e ho trascorso un Natale sereno con la famiglia. Semplice, ma sereno. Mi spiace non aver fatto un post di auguri, ma credo capiate bene come questo periodo possa essere caotico.
Comunque, eccoci qui, l'ultimo giorno dell'anno, per fare il punto della situazione con gli obbiettivi che mi ero prefissata a a inizio 2017. Vediamo un po'...

1 Fare il secondo buco alle orecchie. 
2 Riuscire a fare una passeggiata almeno una volta a settimana.
3 Tornare a disegnare. ..
4 Affrontare una mia grande paura. 
5 Perdere peso...
6 ...e di conseguenza mangiare più salutare.
7 Trascorrere almeno un giorno senza tecnologia.
8 Risentire delle amiche che non sento da tempo.
9 Scrivere di più. Anche questo mi manca troppo
10 Mangiare più frutta.
11 Mettere da parte gli euro che ho di resto dalla spesa . 
12 Sistemare decentemente la mia stanza.
13 Fare una pulizia e ordine nel mio angolo make up.
14 Tornare a registrare video.
15 Andare a farmi un giro a Milano. 
16 Essere più positiva.
17 Andare più spesso a trovare le mie amiche.
18 Spendere più per vestirsi che per i libri. 
19 Sorridere di più ai clienti. 
20 Guardare i film  che ho comprato e mai visto. -_-
21 Fare più post sul blog. ( ahahah)
22 Utilizzare di più instagram.
23 Usare la macchina fotografica che mio padre mi ha regalato
24 Comprarmi un profumo che voglio da tanto.
25 Riuscire ad organizzare un' uscita con le Colleghe
26 Organizzare e portare a termine un 'Project Ten books'.
27 Colorare i miei libri antistress.
28 Tenere un diario giornaliero dove segnare anche solo un pensiero al giorno, o una citazione.
29 Farmi crescere delle unghie decenti...
30 ...mettere più spesso lo smalto sulle unghie.
31 Recensire più film qui sul blog.
32 Fare più tag
33 Dare vita a qualche post a cui avevo pensato.
34 Leggere almeno due serie Manga.
35 Fare una nuova amicizia. 
36 Leggere un libro di Sara Waters
37 Leggere un libro di Kate Morton
38 Tornare a leggere i libri di Montalbano
39 Rileggere almeno uno dei libri che amo di più
40 Smaltire un po' di libri da leggere che attendono sulla mia libreria
41 Smaltire un po' di libri in versione e book
42 Riuscire a creare  nella mia libreria un angolo solo 'Harry Potter'
43 Completare almeno due serie
44 Cambiare grafica al blog 
45 Fare la maratona notturna di ' L'era glaciale'.
46 Leggere almeno un classico
47  Farmi un tatuaggio. 
48 Iniziare una nuova serie tv.
49 Comprarmi una tazza della Thun


50 Completare questa lista, lol ;)

Solo 24 su 50!  Ma sapevo fin dall'inizio che molto probabilmente nopn l'avrei conpletata. Alcuni erano degli obbiettivi un po' alti, e poi l'arrivo di Gioele in aggiunta ad Elia è stato davvero un tornado. Una nuova vita porta con se stravolgimenti e imprevisti, anche se non sei tu a darla alla luce. E va bene così.  Ci sono obbiettivi che sono contenta  di aver raggiunto, ad esempio essere più positiva, essere riuscita a mettere da parte qualche euro ( anche se in realtà gli ho messi nel salvadanaio di Elia), aver spesso di più in vestiti e meno in libri...insomma sono contenta di tutti gli obbiettivi raggiunti, Certo avrei voluto completare i miei album da colorare, ma lista diceva solo, colorare e l'ho fatto ^O^.  Fra gli obbiettivi mancati  sicuramente mi spiace non  essere riuscita a  curare di più  la mia salute con l'alimentazione e un po' di movimento, ma a questo si può sem,pre rimediare.  E si, Rowan, ti rispondo anche qui,  mi spiace che la giornata senza tecnologia mi sia costata fatica. Non dovrebbe essere così. 
Non so se rifarò  esattamente questa  tipologia di '' 50 cose da fare in 365'' giorni, ma sicuramente farà un post simile, magari anche solo con obbiettivi riguardanti esclusivamente libri e blog, vediamo cosa mi viene fuori dal cilindro. 
Prima di chiudere  il post vi faccio i miei più cari e sinceri auguri per un Sereno  e strabiliante 2018. Che possa portarvi tante belle letture, cose belle, e tutto ciò che volete di più. E soprattutto possa portare a tutti la pace.
Ci vediamo l'anno nuovo! 

sabato 23 dicembre 2017

Recensione - La ragazza nella nebbia-


Autore: Donato Carrisi

Titolo: La ragazza nella nebbia

Casa Editrice: Longanesi

Collana : La gaja scienza

Genere: Trhiller e suspence

Pagine: 373

Formato:  Rilegato

Costo: 12, 66 il rilegato, 9,99 la versione digitale




Trama:

La notte in cui tutto cambia per sempre è una notte di ghiaccio e nebbia ad Avechot, un paese rintanato in una valle profonda fra le ombre delle alpi. Forse è stata proprio colpa della nebbia se l'auto dell'agente speciale Vogel è finita in un fosso. Un banale incidente. Vogel è illeso, ma sotto shock. Non ricorda perché è lì e come ci è arrivato. Eppure una cosa è certa: l'agente speciale Vogel dovrebbe trovarsi da tutt'altra parte, lontano da Avechot. Infatti, sono ormai passati due mesi da quando una ragazzina del paese è scomparsa nella nebbia. Due mesi da quando Vogel si è occupato di quello che, da semplice caso di allontanamento volontario, si è trasformato prima in un caso di rapimento e, da lì, in un colossale caso "mediatico". Perché è questa la specialità di Vogel. Non gli interessa nulla del dna, non sa che farsene dei rilevamenti della scientifica, però in una cosa è insuperabile: manovrare i media. Attirare le telecamere, conquistare le prime pagine. Ottenere sempre più fondi per l'indagine grazie all'attenzione e alle pressioni del "pubblico a casa". Santificare la vittima e, alla fine, scovare il mostro e sbatterlo in galera. Questo è il suo gioco, e questa è la sua "firma". Perché ci vuole uno come lui, privo di scrupoli, sicuro dei propri metodi, per far sì che un crimine riceva ciò che realmente gli spetta: non tanto una soluzione, quanto un'"audience". Sono passati due mesi da tutto questo, e l'agente speciale Vogel dovrebbe essere lontano, ormai, da quelle montagne inospitali. Ma allora, cosa ci fa ancora lì? Perché quell'incidente? Ma soprattutto, visto che è illeso, a chi appartiene il sangue che ha sui vestiti?


Recensione:



Giro, prima poi  riuscirà a mettermi in paro con queste benedettissime recensioni! Quando ho pubblicato l'ultima me ne mancavano due.  Ora, tolta quella che vi sto postando, ne devo fare ancora tre, e nel mentre ho iniziato un quarto libro.  Aiutoooooo. E' che Dicembre è così caotico, e ci vorrebbero giornate da 48 ore, e forse non basterebbero.  Ma torniamo a noi e alla recensione do oggi. La ragazza nella Nebbia di Donato Carrisi.

'' Ricordate: è il cattivo che rende la mediocrità più accettabile, è lui che fa'  la storia''

Ho scoperto quest'autore grazie ad un'amica, e fin'ora avevo letto solo ' Il suggeritore'' e ' L'ipotesi del male'' che però facevano parte di una sorta di duologia, dato che avevano la stessa protagonista. Mi erano  strapiaciuti entrambi. Approfittando di un'ennesima offerta sul kobo ho comprato questo e book, in quanto volevo leggere qualcos'altro  di quest'autore.  E cosa posso dire se non che quest'uomo è un maledettimo genio? 
Carrisi mi ha dimostrato cosa vuol dire saper scrivere davvero un thriller.  Non è solo raccontare di un mistero e cercare, bene o male, di portare la sorpresa fino alla fine. Ma è saper prendere il lettore,  e trascinarlo pagina dopo pagina , fra colpi di scena pazzeschi. E'  mescolargli  continuamente le carte in tavola, fargli intuire come sono andate le cose, e poi, bam !, il colpo finale che non ti aspetti.  E saper trascinare il lettore ai limiti del bene e del male, fra luce e buio. Nello spazio sospeso nel tempo fra dubbi e paure. Niente in questa storia è scontato o banale. E  la scomparsa della piccola Anna Lou e  l'arrivo di Vogel  nella ristretta comunità di Avechot sono  la 'scusa'  che Carrisi usa per camminare nel nostro subconscio e toglierci tutte le nostre certezze e farci riflettere.  E il fatto che sa fare tutto questo non è il solo motivo per cui adoro questo autore: è che accompagna la trama, già  buona e complessa di per se, con uno stie fluido, ma incalzante . Senza mai annoiare, e creando personaggi così complessi e sfaccettati che non sai mai  di chi poterti fidare. Riesce a giostrare magnificamente anche gli 'sbalzi' temporali, fra un capitolo e l'altro. Di solito questo andare avanti e indietro  nella storia non è una cosa che mi piaccia troppo, ma quest'autore può permettersi tutto.  So che da questo libro è stato tratto anche un film, che da poco è stato trasmesso nei cinema. Confesso che ho un po' timore, ma credo che lo recupererò. Chissà se il film saprà essere all' altezza del libro? Ne dubito, ma la speranza è sempre l'ultima a morire. Caro Donato, ti sei fatto una fan per la vita.


Citazioni:

''Vogel sapeva che quella stanza, quelle pareti, quella casa non sarebbero più state le stesse. Erano piene di ricordi che presto avrebbero cominciato  a far male''

''Invece di solito il colpevole è un uomo banale, privo di slanci creativi, incapace di distinguersi dalla massa. Ma se lo accettiamo così , allora dobbiamo ammettere che, infondo, un po' ci somiglia''

'' Ti ho portato nel lato oscuro della luce. Perché anche la luce ne aveva uno. Vogel aveva costruito la propria fortuna su quel talento''

Consigliato:  al cento per cento.


sabato 16 dicembre 2017

Recensione - La lista dei desideri dimenticati-


Autore: Robin Gold

Titolo:  La lista dei desideri dimenticati.

Casa Editrice: Garzanti Libri

Genere:  Romanzo Rosa

Pagine: 299

Formato:  Digitale

Costo: il rilegato 12, 66: la versione economica 8,41 e il digitale 6, 99. Io ho preso questo  in offerta a 0,99





Trama:

Ricordi i tuoi sogni di bambina? Clare da piccola ha scritto una lista per ricordarli tutti. "Nuotare con i delfini, trovare una cura per gli attacchi di cuore, diventare insegnante, avere un cane, imparare il codice Morse, sposarsi e avere dei bambini..." Una lista dimenticata che Clare credeva di aver perso, ma che adesso stringe tra le mani per la prima volta dopo anni. Gliel'ha spedita la sua maestra delle elementari, è stata lei a custodirla per tutto questo tempo. Adesso che Clare ha perso tutto, quei piccoli sogni sono l'unica ancora a cui aggrapparsi anche se sembrano impossibili da realizzare. Eppure sono l'unico modo per farle ritornare il sorriso. Clare decide impulsivamente di realizzare tutti i suoi desideri di bambina, uno dopo l'altro, perché dentro di sé sa che è l'unico modo per guarire le ferite del suo cuore. Molti sogni sembrano irrealizzabili o semplicemente infattibili. Come può rimpiazzare il vaso rotto della madre del suo vecchio amico Lincoln, se si è trasferito con la sua famiglia da più di vent'anni e non ne ha più saputo nulla? Per non parlare dello sposarsi e dell'avere figli: dopo tutto quello che è successo, è impensabile. Ma a ogni traguardo raggiunto Clare scopre un pezzo in più della vera se stessa. E in una girandola di imprevisti e incontri inaspettati, capisce anche che cercare la donna che avrebbe voluto essere da piccola potrebbe riservarle dolci sorprese...

Recensione:

quando ho deciso di comprare questo libro, l'ho fatto per due motivi: la trama non sembrava male, e la copertina era davvero bellina da vedere. Di solito,  per i libri cartacei la copertina non influisce sulla decisione dell'acquisto, ma chissà perché per quelli digitali, a volte, mi faccio influenzare dalla copertina. Be', nessuno è perfetto, no? ^O^



La storia inizia ( non è uno spoiler dato che  è proprio il primo fatto della storia) con la morte del fidanzato della nostra protagonista, a meno di due settimane dalle nozze. Per Clara  riprendersi da questo lutto non è facile. Un giorno, la sua maestra delle elementari, le spedisce la capsula del tempo costruita quando era bambina, e che fra le altre cose, contiene anche una lista dei desideri. E'  d'improvviso  la giovane decide di  realizzare quei desideri, e mano a mano che spunterà quelle voci, la ragazza tornerà, ,lentamente, alla vita. 
Di solito le letture di questo tipo, quel,le in cui si descrive l'elaborazione di un lutto,  le adoro. anche se scritte  in modo leggero, perché comunque trovo che sappiano trasmetterti speranza e fiducia.  Qui, mi dispiace dirlo, non è accaduto. Si, la storia in sé è anche carina, e ci sono certamente dei bei messaggi di fondo, ma... non mi ha lasciato niente. Credo che la colpa di questo sia lo stile dell'autrice che, pur essendo molto semplice, ho trovato poco coinvolgente, quasi freddo, se mi si passa il termine.  Certi sentimenti, certe situazioni, meritavano un po' più di impegno, di trasporto...di calore unano.  Quando leggo questo tipo di storie a volte mi capita di riconoscermi nel dolore che l'autore sta descrivendo, di versare una lacrima per  quello che il protagonista sta , o chi per lui, sta vivendo. Niente, nulla di tutto questo è stato pervenuto. Un'altra cosa che non ho apprezzato molto è la protagonista, giuro che certe volte l'avrei presa a schiaffi, perché va bene che sei giù di morale e tutto, ma  certi comportamenti anche no, dai. Gli altri personaggi non sono male, mas non lasciano il segno. Salvano la storia ma nulla di più. Se dovessi dare un voto  gli darei un sei. Non è male, ma poteva essere meglio.

Citazioni:

''Metro dopo metro la vita è dura, centimetro dopo centimetro è una passeggiata''

''Indubbiamente, la capsula del tempo creata all' età di dieci anni non le aveva solo ricordato chi era. Le aveva indicato chi voleva diventare, e le aveva salvato la vita offrendole un ponte dal passato al futuro, quando lei non ne aveva nessuno''

Consigliato: lo consuglio? Non saprei.  E' carino, ma nulla di più. Quindi se lo trovate in offerta, o se ve lo regalano, io lo leggerei.  Ma altrimenti si può vivere anche senza.